Elaine Castillo e la scrittura decoloniale

Essere costretti a rendere conto – a tenerci davvero stretti a noi stessi entro la profonda vastità delle nostre storie e rimanere lì, nella loro martellante inconsolabilità – significa far valere, nella nostra arte, non la parte più forte, autorevole e intelligente di noi, bensì: la più specifica, la più precaria, la più sconsolata. Perché un’arte autenticamente urgente e vitale non ci dice che siamo forti e potenti; non ci conferisce autorità, né la esercita. Ci dice che non siamo soli; ci dice che abbiamo bisogno gli uni degli altri; ci dice che, gli uni senza gli altri, non sopravviveremo.

L'intervento di Elaine Castillo a Massenzio parla di decolonializzazione ed ecologia del racconto, ribalta la storia di Polifemo dipingendo un Odisseo colonialista e crudele, discute le tesi di Badiou sull'arte contemporanea, svela la violenza contenuta nell'idea di purezza artistica, invoca l'esercizio e la responsabilità di distinguere: in due parole, è semplicemente fenomenale.

(18/06/19)

Cookie

Questo sito utilizza cookie di navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa alcuni cookie anonimizzati indispensabili per una buona navigazione, ma nessun tipo di tracciamento per fini pubblicitari; continuando a navigare do per scontato che per te sia okay.

2019  Giorgio Fontana   globbers template joomla