Consigli non richiesti per i regali

Fra un mese è Natale: colgo l'occasione per fare qualche consiglio di regalo basato sulle letture e gli ascolti dell'anno in chiusura; è anche un modo per fare un po' il punto di quanto assorbito. Non commento ogni singola scelta, altrimenti facciamo notte: se gli spunti vi stuzzicano, fate un giro online o chiedete lumi al vostro negoziante di fiducia (meglio).

1. NARRATIVA

Quest'anno ho parlato a chiunque di Nina Berberova: potete cominciare da Il giunco mormorante (Adelphi) - un piccolo capolavoro. E se come me volete recuperare alcuni classici, perché non I viaggi di Gulliver di Swift e La certosa di Parma di Stendhal: magari entrambi nell'edizione Feltrinelli magnificamente curata da Gianni Celati.

Ho amato moltissimo anche Le onde di Woolf (Einaudi) e Suite francese di Némirowsky (Adelphi): altri due grandi romanzi che mi mancavano. Aggiungo poi l'ibrido Storia naturale della distruzione di Sebald (Adelphi), Piove all'insù di Luca Rastello (Bollati Boringhieri), il torrenziale e stupendo Una vita come tante di Yanagihara (Sellerio). Tra le uscite più recenti, segnalo in particolare Patria di Aramburu (Guanda).

2. POESIA

Solo due titoli: Citizen di Claudia Rankine (66thand2nd) e un libro di qualche tempo fa, Strada lavoro di Sebastiano Gatto (Nervi Edizioni).

3. SAGGISTICA

Quest'anno sono caduti due anniversari rilevanti. Per il 1917, non vi stupirà il mio consiglio eretico: La rivoluzione uccisa di Volin (Res Gestae); per il 1977, il libro più allegro e diverso che ho letto è senz'altro Ma chi ha detto che non c'è di Manfredi (Agenzia X). Sempre di carattere più o meno storico propongo I piacentini di Pontremoli (Edizioni dell'asino), Memorie di un fuoriuscito di Salvemini (Feltrinelli) e Diario di una giurata popolare al processo delle Brigate rosse di Aglietta (io ho la vecchia edizione Milano Libri).

Politica, etica e dintorni: Disobbedienza civile di Arendt (Chiarelettere); gli Scritti scelti di Berneri (Zero in condotta); Una vita operaia di Manzini (Unicopli); L'anarchia di Ward (Elèuthera); e inevitabilmente La politica dell'impossibile di Dagerman (Iperborea).

Cultura, varie: Storia notturna di Ginzburg (ora Adelphi); Grammatica della fantasia di Rodari (Einaudi); Babele di Petrosino (il Melangolo).

Infine, un libretto indefinibile e meraviglioso: Fine pena ora di Elvio Fassone (Sellerio).

4. MUSICA

Classica: il Quartetto n. 15 di Šostakovič; le Estampes di Débussy; Oiseaux exotiques di Messiaen; gli Intégrales di Varèse; la Fantasia K397 di Mozart; la Seconda Sinfonia di Brahms; il Preludio, fuga e variazione op. 18 di Frank; l'Album per la gioventù di Schumann.

Jazz: Conference of the birds di Dave Holland; First Meditations di Coltrane; New York, N.Y. di George Russell; Stretch Music di Christian Scott; The Art of Trio vol. I di Mehldau; il Live in Paris 1964 di Roland Kirk; Solo Monk di Monk.

Rock-pop-hardcore-altro: Syr 1 dei Sonic Youth; Umber dei Bitch Magnet; Under color of official Right dei Protomartyr; il Live in Reykjavik dei This Will Distroy You; Tired of Tomorrow dei Nothing; A Deeper Understanding dei War on Drugs; So Tonight That I Might See dei Mazzy Star; Hugh of Thunder dei Broken Social Scene. Italiani? Un solo consiglio, ma vale oro: Graziosa Utopia di Edda.

5. FUMETTI

Ho letto meno fumetti del solito e sono stato un po' sfortunato con le scelte: mi limito a consigliare Special Exits di Farmer (Eris), Da quassù la terra è bellissima di Bruno (Bao) e Isaac il pirata del grande Blain (Coconino).

(25/11/17)

Cookie

Questo sito utilizza cookie di navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa alcuni cookie anonimizzati indispensabili per una buona navigazione, ma nessun tipo di tracciamento per fini pubblicitari; continuando a navigare do per scontato che per te sia okay.

2017  Giorgio Fontana   globbers template joomla