La caccia al cretino

Una tendenza piuttosto diffusa e apprezzata: la caccia al cretino. Ogni giorno si prende l'uscita goffa o irritante o anche francamente spaventosa di qualcuno e la si mette in croce. Non voglio dire che sia sbagliato farlo in ogni caso: è giusto denunciare le tante, troppe porcherie che siamo costretti a subire in questi tempi tristi. (Anche se dovremmo sempre riflettere sulla sottile linea che passa fra sterile indignazione e autentico impegno). Quello che mi lascia molto perplesso è l'aver eletto tale caccia a forma di abitudine, o peggio ancora di attenta e profonda critica sociale.

Certo, non è difficile trovare gente da sbeffeggiare, e metterla in piazza con un tweet sagace: ma per quale motivo farlo? Per quale motivo renderlo una pratica quotidiana? Sospetto che alla lunga serva solo a titillare il proprio ego; a mostrarsi severi fustigatori delle fesserie altrui. A questo livello non è ancora un fatto troppo grave: ma c'è di peggio. A furia di prendere in giro gli idioti si sviluppa un automatismo: si cerca di continuo l'idiozia anche dove non c'è. E insieme si nutre un'ossessione verso qualsiasi incoerenza, verso chi mette il piede in fallo una volta tanto o dice una fesseria in buona fede. Naturalmente senza mai considerare le proprie incoerenze, contraddizioni e cadute: il fustigatore è sempre puro quando si guarda allo specchio. (Semmai sorprende che tale purezza gli venga consegnata da uno stormo di seguaci ridacchianti e felici di unirsi alla gogna).

Mi sembra una forma di auto-indulgenza molto diffusa, e un inquinamento del pensiero. Passare la giornata a cercare chi dice scemenze e insultarlo abituerà a sentirsi superiore, sempre nel giusto; a pensare sempre male; e a non fare alcunché per combattere le cause delle scemenze stesse. Come critica sociale e come forma d'azione radicale è davvero ben poca cosa.

Mi si obietterà che il giornalismo non è esente da questo vizio; e in effetti è vero. Ma ormai siamo arrivati al punto di dover essere migliori dei nostri gestori dell'informazione, la cui colpa aggiuntiva è di riprodurre simili tic e vestirli da solenni, indignate invettive.

(19/11/17)

 

Cookie

Questo sito utilizza cookie di navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa alcuni cookie anonimizzati indispensabili per una buona navigazione, ma nessun tipo di tracciamento per fini pubblicitari; continuando a navigare do per scontato che per te sia okay.

2017  Giorgio Fontana   globbers template joomla