Solidarietà al LUMe

Il 25 luglio scorso la polizia ha sgomberato il LUMe, un centro sociale attivo dall'aprile 2015 e autogestito da studenti universitari, a due passi dalla Statale. Purtroppo non ero a Milano quando i fatti sono avvenuti; sono tornato poco fa e raccolgo solo ora la notizia.

Sono davvero colpito e addolorato. Ho frequentato di tanto in tanto il LUMe, specie alle bellissime serate jazz nella cripta; ne ho apprezzato subito la vivacità artistica, la grande forza di volontà dei compagni che lo gestivano, l'assenza di paraocchi ideologici, l'apertura e l'impegno.

L'offerta culturale del LUMe era ampia e a portata di tutti. Nel giro di due anni decine di ragazzi hanno rimesso a nuovo un edificio di tre piani in stato di abbandono - senza alcuno scopo di lucro - e l'hanno restituito alla città. Ora chi governa la città li ripaga così. Un gesto stupido, banale, miope: possiamo addurre tutte le ragioni di legalità che volete, e possiamo discuterle; ma dobbiamo anche addurre tutte le ragioni politiche, culturali e di aggregazione di questo spazio. Purtroppo non c'è stata discussione alcuna. Si è proceduto con la solita strada della rimozione e della semplificazione.

Qualche tempo fa ho intervistato alcuni attivisti del centro per un pezzo che uscirà quest'autunno su A - e fa male e rabbia pensare che dovrò aggiungere la precisazione dello sgombero.

Tutta la mia solidarietà a LUMe.

(Un po' di materiale di varia natura per riflettere meglio, al di là dei tic ideologici: la lettera aperta di uno studente; una video intervista che racconta l'accaduto; un approfondimento con link a una petizione; un lungo e interessante articolo con intervista).

(29/07/17)

Cookie

Questo sito utilizza cookie di navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa alcuni cookie anonimizzati indispensabili per una buona navigazione, ma nessun tipo di tracciamento per fini pubblicitari; continuando a navigare do per scontato che per te sia okay.

2017  Giorgio Fontana   globbers template joomla